martedì 21.8.2018
Europa Facile  > Agenda Bandi

Agenda Bandi


Erasmus+: Bando EACEA/16/2018 – European Youth Together

Titolo

Invito a presentare proposte – EACEA/16/2018 - Programma Erasmus+, azione chiave 3: sostegno alle riforme delle politiche – European Youth Together

Oggetto

Bando nell’ambito del programma Erasmus+ (Azione chiave 3, Settore "Gioventù"): European Youth Together.

Fonte

GUCE/GUUE C 133/25 del 16/4/2018

Ente Erogatore

Commissione europea

Azioni

Il progetto “European Youth Together” mira a creare reti che promuovono partenariati regionali per incoraggiare una più ampia partecipazione dei giovani alla vita pubblica europea e la promozione della cittadinanza europea.

“European Youth Together” sosterrà le iniziative di almeno cinque organismi di cinque diversi Paesi aderenti ad Erasmus+ e mirerà a riunire i giovani di tutta Europa: est, ovest, nord e sud.

“European Youth Together” dovrebbe basarsi sull’esperienza acquisita con il progetto “Un nuovo racconto per l’Europa” e con altre iniziative strategiche e programmatiche per la gioventù, volte a promuovere la partecipazione dei giovani alla vita pubblica europea, nonché gli scambi transfrontalieri e le attività di mobilità.

L’iniziativa sosterrà in modo specifico:
- lo sviluppo di una cooperazione più strutturata tra le organizzazioni giovanili per creare o rafforzare partenariati;
- le organizzazioni giovanili coinvolte in iniziative volte a incoraggiare la partecipazione dei giovani al processo democratico e alla società, organizzando corsi di formazione, mettendo in evidenza i punti in comune tra i giovani europei e incoraggiando la discussione e il dibattito sul loro legame con l’UE, i suoi valori e le sue fondamenta democratiche. Ciò comprende l’organizzazione di eventi in vista delle elezioni per il Parlamento europeo del 2019;
- la promozione della partecipazione dei gruppi di giovani sottorappresentati alla vita politica, alle organizzazioni giovanili e altre organizzazioni della società civile, coinvolgendo i giovani vulnerabili e svantaggiati sul piano socioeconomico.

Priorità tematiche: la cittadinanza attiva, la creazione di reti, i valori e la cittadinanza europei, la partecipazione democratica, la resilienza democratica e l’inclusione sociale per i giovani.

Attività ammissibili:
- attività di mobilità, compresi gli scambi di giovani su vasta scala;
- attività volte a facilitare l’accesso e la partecipazione dei giovani all’agenda politica dell’UE;
- scambi di esperienze e di buone pratiche; creazione di reti e partenariati con altre organizzazioni giovanili; partecipazione a riunioni o seminari con altri soggetti interessati e/o responsabili politici, anche al fine di aumentare l’impatto delle politiche sui gruppi, i settori e/o i sistemi destinatari;
- iniziative ed eventi finalizzati a sviluppare le ONG europee/le organizzazioni della società civile/le reti a livello europeo;
- attività di sensibilizzazione, informazione, divulgazione e promozione (seminari, workshop, campagne, riunioni, dibattiti pubblici, consultazioni) sulle priorità politiche dell’UE nel campo della gioventù.

Le attività hanno carattere transfrontaliero e possono essere svolte a livello europeo, nazionale, regionale o locale.

Beneficiari

Organismi stabiliti in uno dei Paesi aderenti ad Erasmus+ (vedi voce “Aree geografiche coinvolte” a fondo scheda):
- organizzazioni senza scopo di lucro, associazioni, ONG e ONG giovanili europee;
- imprese sociali;
- enti pubblici a livello locale;
- enti pubblici a livello regionale o nazionale;
- associazioni di regioni;
- Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale;
- organismi a scopo di lucro attivi nell’ambito della responsabilità sociale delle imprese.

Nota: In considerazione della Brexit, la Commissione Ue precisa che se il Regno Unito esce dall’UE durante il periodo di concessione della sovvenzione senza concludere un accordo che garantisca che i candidati britannici continuano ad essere ammissibili, eventuali proponenti/partner del Regno Unito potranno non ricevere più i finanziamenti UE oppure essere invitati a lasciare il progetto.

Entità Contributo

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili e sarà compreso tra 100mila e 500mila euro.

Modalità e procedura

I progetti devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno cinque organismi di cinque diversi Paesi ammissibili.

La durata dei progetti deve essere compresa tra 9 e 24 mesi.

Per la presentazione delle candidature è necessario registrarsi al Portale dei partecipanti al fine di ottenere un Participant Identification Code (PIC). La registrazione è richiesta per tutti i soggetti coinvolti nel progetto (capofila e partner di progetto). Il PIC sarà richiesto per generare l`eForm (formulario elettronico) e presentare la candidatura online.

In allegato il testo del bando. Le relative Guidelines più ulteriore documentazione necessarie per partecipare sono reperibili sulla pagina web dell'Agenzia EACEA indicata a fondo scheda.

Il 24 aprile, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, sarà possibile seguire in webstreaming una sessione informativa sul bando. Per tutte le informazioni clicca qui.

Scadenza

25/05/2018, ore 12.00 (ora di Bruxelles)

Referente

EACEA - Agenzia esecutiva per l`istruzione, l`audiovisivo, la cultura

Risorse finanziarie disponibili

5.000.000 euro

Aree Geografiche

UE 28 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Turchia -

ex Repubblica jugoslava di Macedonia

EFTA/SEE - Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Indirizzi Utili

Referente: Agenzia EACEA
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 18/04/2018
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato da Ervet SpA su incarico della Regione Emilia-Romagna

Ervet SpA P.IVA 00569890379 - Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna tel. 051/6450411 - fax 051/6450310 - e-mail: info@ervet.it