lunedì 17.6.2019
Europa Facile  > Agenda Bandi

Agenda Bandi


Bando REC-RRAC-RACI-AG-2019: prevenire e combattere il razzismo, la xenofobia, l’omofobia e altre forme di intolleranza e monitorare, prevenire e contrastare l’incitamento all’odio online

Titolo

Call for proposals to prevent and combat racism, xenophobia, homophobia and other forms of intolerance and to monitor, prevent and counter hate speech online - REC-RRAC-RACI-AG-2019

Oggetto

Bando nell’ambito del programma “Diritti, uguaglianza e cittadinanza”: sostegno a progetti volti a prevenire e combattere il razzismo, la xenofobia, l’omofobia e altre forme di intolleranza e a monitorare, prevenire e contrastare l’incitamento all’odio online.

Fonte

Commissione europea - Funding & Tender Portal del 15/1/2019

Ente Erogatore

Commissione europea

Azioni

Progetti nazionali e transnazionali riguardanti le seguenti priorità:

1. Prevenire e combattere il razzismo, la xenofobia, l’omofobia e altre forme di intolleranza (risorse disponibili: 3.000.000 euro)
Focus su:
- misure volte a promuovere una migliore comprensione e il dialogo tra diversi gruppi e comunità, anche rafforzando il ruolo dei leader delle comunità, dei giovani e dei moltiplicatori;
- misure e iniziative concrete per prevenire e combattere le manifestazioni reali di razzismo, xenofobia, omofobia e altre forme di intolleranza, in particolare i crimini dettati dall’odio e discorsi di incitamento all'odio;
- iniziative volte a rafforzare, sostenere e proteggere gruppi, comunità e individui colpiti da manifestazioni di intolleranza, in particolare crimini dettati dall’odio e discorsi di incitamento all'odio;
Particolare attenzione è posta su misure mirate a: (i) intensificare la prevenzione e la lotta contro l'antisemitismo; (ii) contrastare l'intolleranza e la discriminazione contro i musulmani.

Attività finanziabili
- apprendimento reciproco e scambi di buone pratiche;
- capacity building e formazione;
- sostegno e empowerment delle comunità e delle vittime;
- dialogo interculturale e interreligioso;
- iniziative di sensibilizzazione e diffusione;
- sviluppo di strumenti, pratiche e interventi concreti;
- attività e strumenti di educazione inclusiva e sensibilizzazione, in particolare orientati ai giovani, ad organismi incaricati dell’applicazione della legge e altre autorità statali, nonché a moltiplicatori come media, educatori e formatori - online e offline;
- campagne, studi e attività di formazione.

In particolare, riguardo al punto (i) le attività finanziabili consisteranno in:
- misure volte ad accrescere la conoscenza della vita degli ebrei nel passato e al giorno d’oggi;
- misure a sostegno della memoria della Shoah;
- raccolta di dati relativi a episodi di antisemitismo;
- sensibilizzazione sull'antisemitismo come minaccia per la società.

2. Monitorare, prevenire e contrastare l’incitamento all’odio online (risorse disponibili: 2.000.000 euro)
Focus su:
- misure e iniziative realizzate da attori chiave (ad es. autorità pubbliche, società civile e società private) che collaborano per contrastare l'incitamento all'odio su piattaforme di social media/società del web;
- iniziative di educazione e sensibilizzazione, in particolare per i giovani, riguardanti l'incitamento all'odio e la promozione di narrazioni di tolleranza online;
- studi che indagano e mappano i fattori scatenanti l’incitamento all’odio e le strategie dei gruppi estremisti che alimentano l'odio, così come le connessioni tra odio online e crimini dettati dall’odio perpetrati nella vita quotidiana.

Attività finanziabili
- attività di sensibilizzazione, azioni e campagne multi-stakeholder;
- promozione di abilità digitali, del pensiero critico e dell’istruzione;
- raccolta dati, analisi delle tendenze, dei fattori scatenanti e del contesto dell'odio online.

3. Priorità rivolta solo alle autorità pubbliche - Migliorare la capacità delle autorità nazionali di rispondere al razzismo, alla xenofobia, all’omofobia e ad altre forme di intolleranza (risorse disponibili: 2.000.000 euro)
Focus su:
- iniziative volte allo sviluppo delle capacità delle autorità nazionali di garantire una migliore applicazione sul campo della normativa riguardante i reati dettati dall’odio e l’incitamento all'odio;
- misure volte a istituire e/o migliorare i sistemi e servizi di assistenza alle vittime per le vittime dei crimini dettati dall’odio e dei discorsi di incitamento all'odio, affrontando il problema della scarsità di denunce e creando fiducia tra comunità e autorità pubbliche;
- misure volte a istituire e/o migliorare le pratiche di raccolta dati e registrazione dei crimini dettati dall’odio e dell’incitamento all’odio a livello nazionale;
- iniziative volte a favorire la cooperazione e le partnership tra autorità pubbliche, società civile e organizzazioni basate sulla comunità per migliorare le risposte al razzismo, alla xenofobia, all'omofobia e ad altre forme di intolleranza a livello nazionale.

Attività finanziabili
- sviluppo di strumenti, pratiche e interventi concreti a livello nazionale;
- capacity building e attività di formazione per autorità nazionali;
- definizione e implementazione di quadri, strategie o piani d’azione nazionali;
- apprendimento reciproco e scambio di buone pratiche tra Stati membri.

Beneficiari

- Priorità 1 e 2: enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei Paesi ammissibili (indicati a fondo scheda), organizzazioni internazionali. Organizzazioni a scopo di lucro possono presentare progetti solo in partnership con enti pubblici o organizzazioni private non-profit.
- Priorità 3: proponenti di progetto possono essere solo autorità pubbliche. Enti pubblici e organizzazioni private possono essere partner di progetto. Proponente e partner devono essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili.

Entità Contributo

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta non può essere inferiore a € 75.000.

Modalità e procedura

I progetti devono essere realizzati da una partnership che coinvolga almeno due soggetti (proponente di progetto + 1 partner). Se il progetto è transnazionale, devono essere di due diversi Paesi ammissibili.

I progetti proposti devono prevedere una durata massima 24 mesi.

Per tutta la documentazione sul bando e per accedere al sistema di presentazione online delle proposte si veda la pagina web del Funding & Tender Portal indicata a fondo scheda.

Scadenza

24/04/2019, ore 17 (ora dell’Europa centrale)

Aree Geografiche

UE 28 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Serbia

Liechtenstein

Islanda -

Indirizzi Utili

Referente: Funding & Tender Portal - Pagina web di riferimento per il bando
Sito Web



Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 04/02/2019
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato da Ervet SpA su incarico della Regione Emilia-Romagna

Ervet SpA P.IVA 00569890379 - Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna tel. 051/6450411 - fax 051/6450310 - e-mail: info@ervet.it