martedì 16.7.2019
Europa Facile  > Agenda Bandi

Agenda Bandi


Hercule III - Bando 2019 Formazione e studi in campo giuridico

Titolo

Programma Hercule III — Invito a presentare proposte — 2019 — Formazione e studi in campo giuridico (C/2018/8568)

Oggetto

Bando nell’ambito del programma Hercule III: formazione e studi in campo giuridico.

Fonte

GUCE/GUUE C 111/43 del 25/3/2019

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

Contribuire a migliorare la tutela degli interessi finanziari dell’UE contro la frode, la corruzione e altre attività illecite.

Azioni

Sostegno a progetti riguardanti una delle seguenti azioni:
1. Studi di diritto comparato e relativa divulgazione: sviluppo di attività di ricerca di alto profilo, tra cui studi di diritto comparato, comprese la divulgazione dei risultati e una conferenza conclusiva, se del caso;
2. Cooperazione e sensibilizzazione: rafforzamento della cooperazione tra professionisti e accademici, compresa l’organizzazione della riunione annuale dei presidenti delle associazioni per il diritto penale europeo e la tutela degli interessi finanziari dell’UE;
3. Pubblicazioni periodiche: sensibilizzazione di giudici e magistrati e altri professionisti del  settore legale in merito alla tutela degli interessi finanziari dell’Unione, anche mediante la divulgazione di conoscenze scientifiche.

Tematiche prioritarie
- la cooperazione tra gli organismi dell'UE coinvolti nella tutela degli interessi finanziari dell'UE (ad esempio OLAF, EPPO, Eurojust, Europol) e la cooperazione di tali organismi e i loro partner, comprese le autorità al di fuori dell'UE;
- misure a sostegno del nuovo assetto istituzionale antifrode (in particolare nel scenario dell'istituzione dell'EPPO);
- ricerca sulle irregolarità e le frodi che colpiscono i fondi UE nel settore della migrazione;
- l’attività investigativa dell'OLAF, con particolare riferimento all'esercizio dei suoi poteri, alla sua cooperazione con i partner nazionali e al seguito dato dalle autorità nazionali pertinenti alle sue raccomandazioni;
- la lotta contro la frode dell’IVA;
- la protezione degli informatori nel settore della tutela degli interessi finanziari dell'UE;
- requisiti per ottenere, assicurare e utilizzare prove legali digitali nelle indagini in campo penale e amministrativo;
- i diversi tipi di investigazioni e di sanzioni (penali, amministrative, altre) e le relazioni tra loro, compreso il principio ne bis in idem;
- la trasparenza, l’integrità e la tracciabilità nel settore della tutela degli interessi finanziari dell'UE, con particolare attenzione ai seguenti aspetti: l’accesso ai titolari effettivi; la gestione di fondi UE ad opera di terzi, comprese le organizzazioni internazionali, le ONG e le organizzazioni senza scopo di lucro; riciclaggio di denaro connesso alla distrazione di fondi UE; coordinamento e scambio di informazioni tra agenzie di controllo, unità di intelligence finanziaria negli Stati membri e OLAF;
- metodologie per quantificare/misurare la frode nei fondi UE;
- valutazione dell'ammissibilità nei procedimenti giudiziari di informazioni ottenute sulla base di un'analisi di grandi banche dati, in particolare nei casi in cui la qualità dei dati, l'accuratezza dei dati o il rispetto dell’obbligo di protezione dei dati sono contestati.

Beneficiari

- Amministrazioni nazionali o regionali, stabilite in uno degli Stati UE, che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE nel settore della tutela degli interessi finanziari dell’Unione.
- Istituti di ricerca e insegnamento e organismi senza scopo di lucro che promuovono il rafforzamento dell’azione dell’UE a tutela dei suoi interessi finanziari; questi soggetti devono essere stabiliti e operativi da almeno 1 anno in uno degli Stati UE.

Entità Contributo

Il contributo UE può coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto (in casi eccezionali e debitamente giustificati la percentuale di cofinanziamento può arrivare fino 90 % dei costi ammissibili).
Possono essere cofinanziati unicamente progetti il cui budget complessivo non sia inferiore a 40.000 euro.

Modalità e procedura

Sono ammissibili unicamente proposte progettuali presentate singolarmente (non sono ammesse proposte presentate in consorzio).

I progetti devono avere inizio indicativamente a ottobre 2019, con una durata massima di 12 mesi o 18 mesi a seconda dell’azione. 

Le candidature devono essere presentate per via telematica, utilizzando l’apposito sistema - Electronic Submission Service - accessibile dal Funding and Tenders Portal (dove per ciascuna azione è attivata una pagina dedicata).

In allegato il testo del bando. Per ulteriore documentazione e presentazione online delle proposte:

1. Studi di diritto comparato e relativa divulgazione
2. Cooperazione e sensibilizzazione
3. Pubblicazioni periodiche

Scadenza

15/05/2019, ore 17:00 (ora dell'Europa centrale)

Risorse finanziarie disponibili

€ 500.000

Aree Geografiche

UE 28 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Formulari e Documenti




Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 26/03/2019
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato da Ervet SpA su incarico della Regione Emilia-Romagna

Ervet SpA P.IVA 00569890379 - Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna tel. 051/6450411 - fax 051/6450310 - e-mail: info@ervet.it