mercoledì 5.8.2020
Europa Facile  > Agenda Bandi

Agenda Bandi


Salute 2014-2020 - Bando 2020 per progetti (PJ-02-2020) ***scadenza posticipata***

Titolo

3rd EU Health Programme: Call for project proposals under the Annual Work Programme 2020 (HP-PJ-2020)

Oggetto

Invito a presentare proposte 2020 per l’assegnazione di un contributo finanziario ad iniziative in forma di progetti nel quadro del programma Salute 2014-2020.

Fonte

Commissione europea - Funding & Tender Portal HP-PJ-2020

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

Il programma Salute 2014-2020 ha lo scopo di integrare, sostenere e aggiungere valore alle politiche degli Stati membri per migliorare la salute dei cittadini e ridurre le disuguaglianze fra gli stessi, promuovendo la salute, incoraggiando l’innovazione in ambito sanitario, accrescendo la sostenibilità dei sistemi sanitari e proteggendo i cittadini dalle gravi minacce sanitarie transfrontaliere.

Annualmente finanzia misure specifiche che contribuiscono alla realizzazione di questo obiettivo generale.

Azioni

Il bando 2020 copre 7 topic (temi), ciascuno con uno specifico budget e formulari specifici dedicati:

- Appalti pubblici sanitari nell'UE - Id: PJ-02-2020

Questo topic offre agli attori che si occupano degli appalti pubblici nel settore sanitario nei loro Stati l'opportunità di riunirsi e riflettere sulle modalità per realizzarli, per renderli più efficienti e sui potenziali benefici per la salute.
Devono inoltre svolgersi le seguenti attività:
- mappatura delle iniziative degli Stati membri e dell'UE sugli appalti pubblici nel settore sanitario;
- mappatura delle procedure attivate in materia di appalti pubblici nel settore sanitario in tutti gli Stati membri;
- mappatura delle modalità di organizzazione degli appalti pubblici nel settore sanitario in tutti gli Stati membri;
- mappatura delle metodologie e degli strumenti per gli appalti pubblici nel settore sanitario negli Stati membri;
- seminari e incontri per facilitare la condivisione delle conoscenze tra gli Stati membri;
- seminari e riunioni di esperti per identificare le esigenze degli Stati membri in relazione agli appalti nel settore sanitario;
- seminari e incontri per agevolare le discussioni sulle possibili vie da seguire in relazione alla cooperazione dell'UE in materia di appalti sanitari;
- analisi dei dati disponibili al fine di valutare il potenziale non sfruttato di risparmi di bilancio e utilizzo delle migliori pratiche cliniche;
- identificazione e analisi su possibili ulteriori azioni Ue nell’area degli appalti pubblici del settore sanitario.
Budget: 350.000 euro

 

- Sostegno agli investimenti sanitari - Id: PJ-03-2020

Gli stekeholder sanitari devono affrontare sfide quando si tratta di pianificare, accedere e combinare finanziamenti per rispondere alle esigenze dei loro sistemi sanitari: la gran parte delle autorità sanitarie è abituata a ricevere finanziamenti diretti dai bilanci pubblici e dalle sovvenzioni dell'UE e non possiede competenze sufficienti per la configurazione di strategie e piani di investimento. È importante migliorare la capacità del settore sanitario di preparare piani di investimento, consolidare finanziamenti a più fonti e utilizzare strumenti finanziari alternativi a tal fine.
Questo topic riguarda tre settori di attività:
1. panoramica degli investimenti sostenuti dai fondi della politica di coesione in settori connessi alla salute per il periodo di programmazione 2021-2027,
2. supporto agli Stati membri nell'individuazione delle esigenze sanitarie e nella mappatura delle risorse disponibili del sistema sanitario (infrastrutture e risorse umane), che possono costituire la base per la pianificazione strategica degli investimenti,
3. migliorare la consapevolezza e le capacità degli stakeholder del settore sanitario nell’accedere ai finanziamenti, nell’utilizzare e combinare strumenti finanziari e nel preparare piani e progetti di investimento.

Budget: 1.500.000 euro


- Sostegno all'attuazione delle migliori pratiche nel settore della salute mentale - Trasferimento di iFightDepression (Alleanza europea contro la depressione) - Id: PJ-04-2020

iFightDepression è un programma di intervento a 4 livelli volto a migliorare l'assistenza ai pazienti affetti da depressione e prevenire comportamenti suicidi. Nato in Germania nel 2004 e successivamente implementato anche in diversi altri paesi, si è dimostrato efficace nel ridurre i suicidi e migliorare l'assistenza alle persone che soffrono di depressione. Comprende diverse attività di intervento: cooperazione con l'assistenza sanitaria primaria e mentale incentrata sulla formazione dei medici di medicina generale, campagne di sensibilizzazione del pubblico, cooperazione con i facilitatori della comunità e le parti interessate, sostegno alle persone ad alto rischio e ai loro parenti.

Le azioni di questo topic sono mirate al trasferimento della miglior pratica iFightDepression ad altri Stati membri e a integrarla nei loro sistemi sanitari. Possono comprendere le seguenti misure:
- valutare la preparazione degli enti locali, regionali, nazionali e dei servizi sanitari nei paesi partecipanti per introdurvi iFightDepression;
- aumentare la consapevolezza dell'importanza della salute mentale tra i responsabili politici e gli operatori sanitari;
- sviluppare, tradurre e fornire strumenti di alta qualità per implementarla;
- formare formatori e professionisti sulle componenti fondamentali di iFightDepression (adattata al contesto nazionale);
- attività locali, regionali o nazionali per contestualizzare il trasferimento di iFightDepression;
- monitorare il processo di implementazione e valutarne i risultati;
- progettare misure per valutare e aumentare la sostenibilità di iFightDepression dopo la fase di attuazione;
- sviluppare opportunità e reti di supporto per lo sviluppo di capacità tra i paesi partecipanti e l'UE;
- promuoverne l'implementazione in altri Stati membri dell'UE che non partecipano al progetto.

Dovrebbero essere previste azioni quali valutazioni o studi di fattibilità, controlli legali, valutazione dei bisogni (compresa la formazione), stime dei costi, preparazione di manuali di riproduzione (comprese le traduzioni), definizione di protocolli clinici, creazione di strumenti di e-learning, visite di studio e gemellaggi, workshop con gli stakeholder, etc. Questo topic coinvolge enti, e nello specifico le ONG, che sono responsabili di sviluppo, gestione e attuazione delle pratiche di salute mentale, a diretto contatto con i cittadini, anche per quanto riguarda la prevenzione.

Budget: 2.000.000 euro


- Sostegno all'attuazione delle migliori pratiche nel settore della salute mentale - Trasferimento di Housing First Portugal (Casas Primeiro Portogallo) - Id: PJ-05-2020

L’iniziativa Housing First Portugal ha l’obiettivo di fornire alloggi integrati in comunità per senzatetto di lunga durata con gravi malattie mentali (in alcuni casi combinati con l'abuso di sostanze). Si tratta di un approccio o un metodo di erogazione del servizio che promuove l'inclusione sociale e la cittadinanza attraverso attività quali il supporto intensivo e diretto alla persona nella famiglia e l'integrazione nei servizi locali in tutte le aree, come la salute, la salute mentale, il benessere sociale e i servizi giudiziari.

Le azioni di questo topic sono mirate al trasferimento della miglior pratica Housing First Portugal e alla sua integrazione nei sistemi sanitari di altri Stati membri. Possono comprendere le seguenti misure:
- valutare la preparazione degli enti locali, regionali, nazionali e dei servizi sanitari nei paesi partecipanti per introdurvi la pratica Housing First Portugal;
- aumentare la consapevolezza dell'importanza della salute mentale tra i responsabili politici e gli operatori sanitari;
- sviluppare, tradurre e fornire strumenti di alta qualità per implementarla;
- formare formatori e professionisti sulle componenti fondamentali di Housing First Portugal (adattate al contesto nazionale);
- attività locali, regionali o nazionali per il trasferimento contestuale di Housing First Portugal;
- monitorare il processo di attuazione e valutarne i risultati;
- progettare misure per valutare e aumentare la sostenibilità di Housing First Portugal dopo la fase di attuazione;
- sviluppare opportunità e reti di supporto per lo sviluppo di capacità tra i paesi partecipanti e l'UE.
- promuoverne l'implementazione in altri Stati membri dell'UE che non partecipano al progetto.

Dovrebbero essere previste azioni quali valutazioni o studi di fattibilità, controlli legali, valutazione dei bisogni (compresa la formazione), stime dei costi, preparazione di manuali di riproduzione (comprese le traduzioni), definizione di protocolli clinici, creazione di strumenti di e-learning, visite di studio e gemellaggi, workshop con gli stakeholder, etc. Questo topic coinvolge enti, e nello specifico le ONG, che sono responsabili di sviluppo, gestione e attuazione delle pratiche di salute mentale, a diretto contatto con i cittadini, anche per quanto riguarda la prevenzione.

Budget: 1.000.000 euro

 

- Maggiore accesso alla vaccinazione per i migranti appena arrivati ​​nei paesi di prima linea, di transito e di destinazione - Id: PJ-06-2020

L'obiettivo principale per questo topic è di affrontare le minacce transnazionali prodotte da malattie infettive al fine di ridurre i rischi e mitigarne le conseguenze.
Attività ammissibili:
- attività per aumentare l'accesso alla vaccinazione dei migranti appena arrivati, aumentando la diffusione dei vaccini, nell'infanzia come nel resto della vita;
- misure volte a sviluppare, diffondere e attuare approcci sistematici di orientamento per aumentare l'accesso alla vaccinazione;
- controlli sistematici dello stato di vaccinazione delle popolazioni interessate e follow-up per conformarsi alle raccomandazioni nazionali;
- attività volte ad aumentare l'alfabetizzazione sanitaria della popolazione interessata e degli operatori e mediatori sanitari che si prendono cura di loro;

I progetti devono essere realizzati in almeno 5 differenti paesi ammissibili; la popolazione target sarà costituita da migranti appena arrivati nei paesi di prima accoglienza, di transito e di destinazione, di tutte le fasce di età. Le attività finanziate devono porre l'accento sull'attuazione a livello nazionale: non saranno presi in considerazione progetti che lavorano esclusivamente sull'elaborazione di linee guida, materiale didattico o descrizione delle differenze nello stato della vaccinazione.

Budget: 1.000.000 euro.

 

- Maggiore accesso alla vaccinazione per gruppi di popolazione svantaggiati, isolati e difficili da raggiungere - Id: PJ-07-2020

L'obiettivo principale per questo topic è di affrontare le minacce transnazionali prodotte da malattie infettive al fine di ridurre i rischi e mitigarne le conseguenze.
Attività ammissibili:
- attività per aumentare l'accesso alla vaccinazione per i gruppi svantaggiati e socialmente esclusi, a causa di un isolamento economico, educativo, geografico o fisico o di altri motivi, in generale o in contesti specifici, aumentando la diffusione dei vaccini, nell'infanzia come nel resto della vita,
- misure volte a sviluppare, diffondere e attuare approcci sistematici di orientamento per aumentare l'accesso alla vaccinazione;
- controlli sistematici dello stato di vaccinazione delle popolazioni interessate e follow-up per conformarsi alle raccomandazioni nazionali;
- attività volte ad aumentare l'alfabetizzazione sanitaria della popolazione interessata e degli operatori e mediatori sanitari che si prendono cura di loro;

I progetti devono avere un impatto sufficiente sulla popolazione dell'UE e devono essere realizzati in almeno 5 diversi paesi ammissibili con gruppi di popolazione simili tra loro. Devono riguardare gruppi svantaggiati e difficili da raggiungere a causa di motivi economici, sociali, educativi, etnici o sanitari, che vivono in comunità vicine e altri (Nota: la popolazione target per questo topic non deve essere quella dei migranti appena arrivati, oggetto del topic 06); i progetti si devono concentrare sulle malattie prevenibili con i vaccini che fanno parte dei programmi ufficiali di vaccinazione approvati dalle autorità nazionali o regionali. Le attività finanziate devono porre l'accento sull'attuazione a livello nazionale: non saranno presi in considerazione progetti che lavorano esclusivamente sull'elaborazione di linee guida, materiale didattico o descrizione delle differenze nello stato della vaccinazione.

Budget: 1.000.000 euro.


- Attività degli stakeholder a sostegno di una cooperazione rafforzata contro le malattie prevenibili con i vaccini - Id: PJ-08-2020

Questo topic sostiene la Coalizione per la vaccinazione, istituita nel 2019 per contribuire all'attuazione della raccomandazione del Consiglio sul rafforzamento della cooperazione contro le malattie prevenibili con i vaccini attraverso un migliore accesso a informazioni accurate sulla vaccinazione, la lotta contro la disinformazione sulla vaccinazione, una maggior fiducia nei vaccini, una maggior diffusione dei vaccini e la formazione degli operatori sanitari e degli studenti in vaccinologia, nonché in capacità comunicative, tenendo conto delle esigenze dei gruppi svantaggiati e vulnerabili.

Azioni finanziabili:
- programmi di formazione (e formazione dei formatori) per operatori sanitari e/o studenti, ad es. per migliorare le competenze di comunicazione al fine di affrontare le preoccupazioni relative alla sicurezza e ai benefici dei vaccini;
- workshop, incontri di disseminazione regionali;
- campagne di sensibilizzazione, attività sui social media e sui media tradizionali;
- linee guida, materiale informativo e altri strumenti a supporto degli stakeholder per raggiungere gli obiettivi.

Idealmente, i partner del progetto dovrebbero comprendere diverse associazioni dei membri della Coalizione per la vaccinazione, nonché altre organizzazioni di stakeholder degli Stati membri dell'UE, dei paesi SEE e di altri paesi che partecipano al programma Salute in grado di sostenere l'attuazione degli aspetti pertinenti della raccomandazione del Consiglio sulla cooperazione rafforzata contro le malattie prevenibili con vaccino.

Budget: 1.000.000 euro.

Per ogni topic sarà finanziato un (solo) progetto

Beneficiari

Sono ammissibili a presentare progetti organismi legalmente costituiti e in possesso di personalità giuridica che rientrano nelle seguenti categorie: enti pubblici, non governativi o privati, aventi sede nei paesi partecipanti al bando (Stati membri UE, Islanda, Norvegia, Serbia, Bosnia-Erzegovina e Moldova).

Entità Contributo

Il contribuito comunitario di norma coprirà fino al 60% dei costi ammissibili di progetto. Per progetti “di utilità eccezionale” il contributo può essere aumentato fino all`80%.

Modalità e procedura

Un progetto deve avere una durata massima di 36 mesi e deve essere realizzato in almeno tre diversi Stati partecipanti (eventuali ulteriori Stati che dovessero sottoscrivere accordi bilaterali prima della scadenza del bando saranno da verificare sul sito web della CHAFEA).

Le proposte progettuali devono essere inoltrate in formato elettronico attraverso il portale Funding & tender (per ogni topic è prevista una pagina dedicata, con link specifici ai formulari).

Scadenza

03/06/2020  06/08/2020 (a seguito di rettifica)

Referente

Portale Funding&Tender

Risorse finanziarie disponibili

7.850.000 euro

Aree Geografiche

UE 28 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cechia, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Paesi specifici/Regioni specifiche - Come specificato nella scheda

Norvegia -

Indirizzi Utili

Referente: Portale Funding and tender - Pagina dedicata ai topic del bando
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Maria Grazia Gotti
Data Pubblicazione: 03/03/2020


Autore ultima modifica: Maria Grazia Gotti
Data ultima modifica: 19/05/2020
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio - Divisione Sviluppo Territoriale Sostenibile (ex ERVET)

Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna - Tel. 051/6450411 E-mail: info@art-er.it