venerdì 04.12.2020
Europa Facile > Scheda News

Scheda News


Il 2021 sarà l’Anno europeo delle ferrovie: la proposta della Commissione

La Commissione ha proposto di designare il 2021 quale Anno europeo delle ferrovie per contribuire a sostenere la realizzazione degli obiettivi del Green Deal europeo nel settore dei trasporti.

Responsabili per almeno 1/4 delle emissioni di gas a effetto serra dell’UE, i trasporti sono uno dei settori prioritari del Green Deal europeo, che in questa materia ha stabilito una linea d’intervento che mette al primo posto gli utenti, cercando di offrire loro alternative più economiche e accessibili, sane e pulite rispetto alle loro abitudini in materia di mobilità. L’impegno principale della Commissione nel campo dei trasporti sarà la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente (attualmente in via di definizione), che verterà sulle emissioni prodotte da tutti i modi di trasporto e che avrà fra le sue priorità quella di trasferire su ferrovia o vie navigabili interneuna una parte sostanziale dei trasporti interni di merci (che oggi viaggiano per il 75% su strada). Le ferrovie sono infatti uno dei modi di trasporto più sostenibili e sicuri a nostra disposizione e per questo avranno un ruolo di primo piano nel futuro sistema europeo di mobilità: oltre a essere rispettose dell'ambiente ed efficienti sotto il profilo energetico, le ferrovie sono anche l'unico modo di trasporto ad aver ridotto in modo costante le proprie emissioni di CO2 dal 1990, aumentando nel contempo i volumi di trasporto.

La designazione del 2021 quale anno europeo delle ferrovie dovrebbe contribuire, secondo la Commissione, ad accelerare il ritmo della modernizzazione delle ferrovie, rendendole un'alternativa più interessante rispetto ad altri modi di trasporto meno sostenibili.

Le misure proposte dalla Commissione per l’attuazione del 2021 Anno europeo per le ferrovie comprendono:
a) iniziative ed eventi per promuovere il dibattito, sensibilizzare e facilitare il coinvolgimento di cittadini, imprese e autorità pubbliche nell’attrarre un maggior numero di persone e un maggior volume di merci verso le ferrovie, attraverso molteplici canali e strumenti, compresa l’organizzazione di eventi negli Stati membri;
b) informazione, mostre, stimoli, istruzione e campagne di sensibilizzazione per incoraggiare cambiamenti nel comportamento dei passeggeri, dei consumatori e delle imprese e per stimolare un contributo attivo del grande pubblico al raggiungimento degli obiettivi di un trasporto più sostenibile;
c) condivisione di esperienze e buone pratiche delle autorità nazionali, regionali e locali, della società civile, delle imprese e delle scuole sulla promozione dell'uso della ferrovia e su come attuare il cambiamento di comportamenti a tutti i livelli;
d) avvio di studi e attività innovative e diffusione dei loro risultati su scala europea o nazionale;
e) promozione di progetti e reti relativi all'Anno europeo, anche attraverso i media, i social network e altre comunità online.

Il budget proposto per realizzare queste misure è di 8 milioni di euro.

Per Approfondimenti:
Scheda sintetica del programma in fase di proposta
 



Autore: Maria Grazia Gotti
Data Pubblicazione: 06.03.2020
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio - Divisione Sviluppo Territoriale Sostenibile (ex ERVET)

Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna - Tel. 051/6450411 E-mail: info@art-er.it