mercoledì 22.09.2021
Europa Facile > Scheda News

Scheda News


Adottato l’Accordo di partenariato con l'Italia sui Fondi strutturali 2014-2020

La Commissione europea ha adottato l’Accordo di partenariato con l'Italia in cui si definisce la strategia per un uso ottimale dei Fondi strutturali e di investimento europei nel nostro Paese. L'adozione dell’Accordo apre la via all'investimento di 32,2 miliardi di euro di fondi a titolo della Politica di coesione nel periodo 2014-2020  (compresi i finanziamenti nel campo della Cooperazione Territoriale europea e lo stanziamento per l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile). L'Italia riceve inoltre 10,4 miliardi di euro per lo sviluppo rurale e 537,3 milioni di euro per il settore marittimo e della pesca.

I Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE)  sono: il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il Fondo sociale europeo (FSE), il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP), il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR).

Gli investimenti dell'UE contribuiranno ad affrontare il problema della disoccupazione e ad incentivare la competitività e la crescita economica, dando sostegno all'innovazione, alla formazione e all'istruzione negli ambiti urbani e nelle zone rurali. Essi serviranno anche a promuovere l'imprenditoria, a combattere l'esclusione sociale e ad aiutare lo sviluppo un'economia ecocompatibile ed efficiente sul piano della risorse.

Commentando l'adozione dell’ AP, Johannes Hahn, commissario responsabile per la Politica regionale, ha dichiarato: "È un momento estremamente importante per l'Italia. Oggi abbiamo adottato un piano d'investimento essenziale, strategico, che pone il Paese sui binari della crescita e dell'occupazione per il prossimo decennio. Quest'Accordo di partenariato rispecchia la determinazione comune alla Commissione europea e all'Italia di fare l'uso più efficiente possibile degli investimenti dell'UE e di evitare gli errori del passato. I nostri investimenti devono avere una portata strategica, conformemente alla nuova Politica di coesione, ed essere incentrati sull'economia reale, sulla crescita sostenibile e sull'investimento nelle persone. Cosa altrettanto importante, essi devono essere accompagnati da strutture amministrative salde ed efficienti ad ogni livello….”

Per saperne di più leggi il testo integrale del Comunicato stampa della Commissione UE e la sintesi dell’Accordo di partenariato.



Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 29.10.2014
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio - Divisione Sviluppo Territoriale Sostenibile (ex ERVET)

Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna - Tel. 051/6450411 E-mail: info@art-er.it