domenica 21.4.2019
Europa Facile  > Scheda Programma

Scheda Programma


EIE - Energia Intelligente per l'Europa

Titolo

Decisione N. 1230/2003/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2003 che adotta un programma pluriennale di azioni nel settore dell`energia: «Energia intelligente — Europa» (2003-2006)

Oggetto

Programma pluriennale per azioni nel settore dell’energia volto a favorire lo sviluppo sostenibile nel contesto dell’energia.

Fonte

GUCE/GUUE L 16/33 del 15/7/2003

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

a) promuovere l`efficienza energetica, il ricorso alle fonti energetiche rinnovabili e la diversificazione energetica, attraverso nuove fonti di energia (in fase di sviluppo e rinnovabili), anche nei trasporti, e lo sviluppo del potenziale delle regioni (in particolare le regioni ultraperiferiche e le isole);
b) sviluppare mezzi e strumenti per il controllo, il monitoraggio e la valutazione dell`impatto delle misure adottate nei settori dell`efficienza energetica e delle energie rinnovabili, compresi gli aspetti energetici dei trasporti;
c) promuovere modelli efficaci e intelligenti di produzione e consumo di energia, sensibilizzando l`opinione pubblica e promuovendo scambi di esperienze e di know-how tra i principali soggetti interessati (imprese e cittadini), sostenendo azioni destinate a stimolare gli investimenti nelle tecnologie emergenti e incoraggiando la diffusione delle migliori pratiche e delle migliori tecnologie disponibili, anche attraverso la promozione a livello internazionale.

Azioni

Il programma è strutturato in quattro settori specifici:
1. SAVE, che riguarda il rafforzamento dell’efficienza energetica e l’uso razionale dell’energia, in particolare nei settori dell’edilizia e dell’industria (compresa l’elaborazione ed attuazione di misure legislative).
2. ALTENER, che riguarda la promozione delle fonti energetiche nuove o rinnovabili per la produzione centralizzata e decentrata di energia elettrica e calore, e la loro integrazione nell’ambiente locale e nei sistemi energetici.
3. STEER, che riguarda il sostegno ad iniziative riguardanti tutti gli aspetti energetici dei trasporti, la diversificazione dei carburanti (ad esempio mediante nuove fonti di energia in fase di sviluppo e finti di energia rinnovabili) e la promozione dei carburanti di origine rinnovabile e dell’efficienza energetica nei trasporti (compresa l’elaborazione ed attuazione di misure legislative).
4. COOPENER, che sostiene iniziative relative alla promozione delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica nei paesi in via di sviluppo, in particolare nel quadro della cooperazione della Comunità con i PVS dall’Africa, dell’Asia, dell’America Latina e del Pacifico.

Possono inoltre essere varate azioni chiave: iniziative integranti più settori specifici, oppure riguardanti alcune priorità comunitarie, quali lo sviluppo sostenibile nelle regioni ultraperiferiche.

Tipologie di misure/progetti:
a) promozione dello sviluppo sostenibile, della sicurezza dell`approvvigionamento energetico, della competitività e della tutela dell`ambiente (compresa l`elaborazione di norme, sistemi di etichettatura e certificazione e la definizione di impegni volontari a lungo termine da concordare con l`industria e le altre parti interessate, nonché lavori previsionali, studi strategici sulla base di analisi comuni, controllo regolare dell`evoluzione dei mercati e delle tendenze energetiche, anche ai fini della preparazione di future misure legislative o della revisione della normativa esistente);
b) creazione, ampliamento o ristrutturazione di strutture e strumenti per lo sviluppo dell`energia sostenibile, (compresa la programmazione e la gestione energetica a livello locale e regionale e lo sviluppo di prodotti finanziari e di strumenti di mercato adeguati);
c) promozione di sistemi e attrezzature nel settore dell`energia sostenibile per accelerarne la penetrazione sul mercato e stimolare gli investimenti diretti a facilitare la transizione dalla dimostrazione alla commercializzazione di tecnologie più efficaci (comprese la diffusione delle migliori pratiche e delle nuove tecnologie trasversali, azioni di sensibilizzazione e la creazione di strutture istituzionali destinate a dare attuazione al meccanismo per lo sviluppo pulito e all`implementazione congiunta nel quadro del protocollo di Kyoto);
d) sviluppo delle strutture di informazione, educazione e formazione; utilizzazione dei risultati, promozione e diffusione del know-how e delle migliori pratiche (anche tra i consumatori), diffusione dei risultati delle azioni e dei progetti e cooperazione con gli Stati membri, all’interno di reti;
e) monitoraggio dell`attuazione e dell`impatto delle iniziative comunitarie, e delle azioni di sostegno;
f) valutazione dell`impatto delle azioni e dei progetti finanziati nell`ambito del programma.

Beneficiari

Persone giuridiche pubbliche e private.

Spese

Informazione non disponibile

Entità Contributo

In generale i contributi assegnati ai progetti non supereranno il 50% dei costi, ad eccezione di alcuni studi o altre misure che saranno finanziati al 100%.

Modalità e procedura

Il programma attuato attraverso bandi di gara sui singoli settori, oppure sulle Azioni chiave.

Scadenza

2003-2006

Referente

Commissione europea - DG Energia e trasporti

Risorse finanziarie disponibili

200.000.000 così ripartiti:
SAVE: € 69,8 milioni
ALTENER: € 80 milioni
STEER: € 32,6 milioni
COOPNER: € 17,6 milioni

Nota: a partire dal 2004, in seguito all`adesione, dovrebbe essere stanziato un ulteriore contributo di 50 Milioni di EUR.

Aree Geografiche

UE 25 - Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

PVS-AL - Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Uruguay, Venezuela.

Paesi candidati all`adesione - Bulgaria, Romania, Croazia (dal 2004), Turchia (dal 2005) e Macedonia-FYROM (dal dicembre 2005)

EFTA/SEE - Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Caraibi - Caraibi

ASIA - Afganistan, Bahrain, Bangladesh, Butan, Burma/Myanmar, Cambogia, Cina, Timor, India, Indonesia, Repubblica islamica dell`Iran, Iraq, Repubblica democratica popolare di Corea, Repubblica democratica popolare del Laos, Malaysia, Maldive, Mongolia, Nepal, Oman, Pakistan, Filippine, Arabia Saudita, Sri Lanka, Thailandia, Vietnam, Yemen, Brunei Darussalam, Taiwan, Hong Kong, Repubblica di Corea, Kuwait, Giappone, Macao, Qatar, Singapore, Emirati arabi uniti.

Africa

Indirizzi Utili

Referente: Commissione europea - DG Energia e trasporti
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Redazione Europafacile
Data Pubblicazione: 16/07/2003


Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato da Ervet SpA su incarico della Regione Emilia-Romagna

Ervet SpA P.IVA 00569890379 - Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna tel. 051/6450411 - fax 051/6450310 - e-mail: info@ervet.it