mercoledì 23.9.2020
Europa Facile  > Scheda Programma

Scheda Programma


Azioni di ONG a favore dei PVS

Titolo

Regolamento (CE) n. 1658/98 del Consiglio del 17 luglio 1998 relativo al cofinanziamento con le organizzazioni non governative di sviluppo (ONG) europee di azioni nei settori che interessano i paesi in via di sviluppo (PVS)

Oggetto

Regolamento per il sostegno alle azioni delle ONG impegnate in azioni a favore dei Paesi in via di sviluppo.

Fonte

GUCE/GUUE L 213/1 del 30/7/1998

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

- rafforzare il tessuto democratico e il rispetto dei diritti dell`uomo nei PVS;
- lottare contro la povertà nei PVS;
- migliorare il tenore di vita e la capacità di sviluppo endogeno nei PVS.

Azioni

1. Azioni sul campo focalizzate sulla lotta contro la povertà e sul miglioramento del tenore di vita e delle capacità di sviluppo endogeno dei beneficiari ovvero
a) Sviluppo locale, rurale e urbano nei settori sociale ed economico;
b) valorizzazione delle risorse umane attraverso azioni di formazione;
c) sostegno istituzionale dei partner locali nei PVS.
Priorità:
- rafforzamento della società civile e dello sviluppo partecipativo, promozione e difesa dei
diritti dell’uomo e della democrazia;
- ruolo della donna nello sviluppo;
- sviluppo sostenibile;
- difesa delle culture minacciate (in particolare le culture indigene in pericolo);
- protezione e miglioramento della situazione e dei diritti dei bambini nei PVS.
Le azioni proposte devono nascere dall’iniziativa dei partner beneficiari.

2. Azioni di sensibilizzazione e informazione dell’opinione pubblica europea sui problemi dei PVS e sulle relazioni fra i PVS e i Paesi industrializzati, finalizzate a mobilitare la stessa a favore dello sviluppo e delle strategie e azioni aventi un potenziale impatto positivo sulla popolazione dei PVS
Priorità:
- azioni che pongono l’accento sull’interdipendenza tra gli Stati dell`UE e i PVS;
- azioni volte a trasmettere un messaggio in grado di mobilitare l’opinione pubblica a favore di un miglior equilibrio Nord-Sud;
- azioni volte a incoraggiare la collaborazione tra ONG;
- azioni che permettono la partecipazione attiva dei partner dei PVS.
Queste azioni devono essere rivolte a gruppi ben definiti ed essere focalizzate su argomenti precisi e definiti, basati su un’analisi equilibrata e su una conoscenza approfondita degli argomenti e dei destinatari.

3. Azioni intese a rafforzare la cooperazione e il coordinamento tra ONG europee e tra queste e le Istituzioni comunitarie, finalizzate a sostenere lo sviluppo di reti di scambi e di comunicazione

Beneficiari

ONG europee che conducono azioni nei PVS, anche raggruppate in consorzi e reti.

Spese

Sono ammissibili al finanziamento le spese di investimento e quelle di funzionamento legate agli investimenti e tutte le spese necessarie alla buona esecuzione delle azioni, comprese le spese amministrative delle ONG.

Entità Contributo

In generale il sostegno comunitario ai progetti portati avanti dalle ONG copre fino al 50% dei costi totali del progetto, ovvero fino al 75% dei contributi finanziari totali (in casi eccezionali fino all’85%).

Modalità e procedura

A partire dal 2000 è cambiata la modalità di presentazione dei progetti: mentre prima era possibile presentare progetti in ogni momento ora è necessario attendere la pubblicazione di un invito a presentare proposte (sulla GUCE serie C) che fissa anche la scadenza per la presentazione dei progetti.

Scadenza

31/12/2006

Referente

Commissione europea - DG Sviluppo

Risorse finanziarie disponibili

Si rimanda ai singoli bandi annuali

Aree Geografiche

UE 15 - Francia, Germania, Italia, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Danimarca, Irlanda, Regno Unito, Grecia, Spagna, Portogallo, Austria, Finlandia, Svezia.

PVS - Paesi in via di sviluppo, ovvero Afghanistan, Algeria, Angola, Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Argentina, Bahamas, Bahrein, Bangladesh, Barbados, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Brasile, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Chad, Cile, Cina, Colombia, Comore, Congo (Brazzaville), Corea, Costa d`Avorio, Costa Rica, Cuba, Dominica, Repubblica dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Filippine, Gabon, Gambia, Ghana, Giamaica, Gibouti, Giordania, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea Equatoriale, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, India, Indonesia, Iran, Iraq, Isole Cook, Isole Marshall, Isole Mauritius, Isole Salomone, Kenya, Kiribati, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Madagascar, Malawi, Maldive, Malesia, Mali, Marocco, Mauritania, Messico, Micronesia, Mongolia, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nauru, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Niue, Oman, Pakistan, Palau, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Repubblica Centroafricana, Ruanda, Saint Kitts and Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e le Grenadine, Samoa, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Siria, Somalia, Sri Lanka, Sud Africa, Sudan, Suriname, Swaziland, Tailandia, Tanzania, Territorio di Palestina (West bank e Stiscia di Gaza), Togo, Tonga, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Samoa occidentale, Yemen, Zaire (Repubblica democratica del Congo), Zambia, Zimbabwe.

Indirizzi Utili

Referente: Commissione europea - Ufficio di cooperazione EuropeAid
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Redazione Europafacile
Data Pubblicazione: 06/08/1998


Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio - Divisione Sviluppo Territoriale Sostenibile (ex ERVET)

Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna - Tel. 051/6450411 E-mail: info@art-er.it