domenica 21.4.2019
Europa Facile  > Scheda Programma

Scheda Programma


eContentplus

Titolo

Decisione N. 456/2005/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 marzo 2005 che adotta un programma comunitario pluriennale inteso a rendere i contenuti digitali Europei più accessibili, utilizzabili e sfruttabili

Oggetto

Programma comunitario per l’accesso e lo sfruttamento dei contenuti digitali europei.
Il programma rappresenta un’evoluzione del precedente eContent.

Fonte

GUCE/GUUE L 79/1 del 24/3/2005

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

Rendere i contenuti digitali europei più accessibili, utilizzabili e sfruttabili facilitando la creazione e la diffusione di informazioni a livello comunitario in settori di pubblico interesse.

Azioni

1. Facilitare, a livello comunitario, l’accesso ai contenuti digitali e i relativi uso e sfruttamento
Creazione di reti e alleanze fra i soggetti attivi nel settore, incoraggiando la creazione di nuovi servizi. I settori di intervento sono le informazioni del settore pubblico, i dati territoriali, l’apprendimento e i contenuti culturali.

Priorità:
– sostegno ad un riconoscimento più ampio dell`importanza delle informazioni del settore pubblico, del loro valore commerciale e delle implicazioni per la società derivanti dal loro uso attraverso attività che migliorino l`uso e lo sfruttamento effettivi delle informazioni del settore pubblico in un contesto transfrontaliero da parte di enti pubblici e privati, finalizzati a creare prodotti e servizi di informazione a valore aggiunto.
– incentivo all`uso più ampio dei dati territoriali da parte di enti pubblici e imprese private e dei cittadini, attraverso meccanismi di cooperazione a livello europeo; le attività dovrebbero affrontare questioni tecniche e organizzative, evitando le duplicazioni e provvedendo alla mancanza di completezza, promuovendo l`interoperatività transfrontaliera, sostenendo il coordinamento fra agenzie cartografiche e incentivando l’emergere di nuovi servizi a livello europeo per utenti servizi mobili e l’uso di standard aperti.
– promozione della moltiplicazione di raccolte di conoscenza europee aperte di oggetti digitali, per le collettività dell`istruzione e della ricerca e per gli individui, attraverso la creazione di servizi transeuropei di intermediazione per contenuti digitali didattici, con modelli commerciali connessi. Dovrebbe inoltre essere incoraggiato l’uso di standard aperti e la creazione di ampi gruppi di utenti per analizzare e testare gli schemi preliminari di normazione e di specifiche, al fine di introdurre gli aspetti multilinguistiti e multiculturali europei nel processo di definizione degli standard globali dei contenuti digitali didattici.
– promozione dell`emergere di infrastrutture informatiche transeuropee per l`accesso e l`uso di risorse digitali europee culturali e scientifiche, mediante il collegamento di biblioteche virtuali, memorie comunitarie, ecc. Le attività dovrebbero comprendere approcci coordinati alla digitalizzazione e al collezionamento, la conservazione di oggetti digitali e inventari di risorse digitali culturali e scientifiche. Si dovrebbe infine migliorare l’accesso ai beni digitali culturali e scientifici mediante regimi efficaci di autorizzazione e la liberazione preventiva e collettiva dei diritti.

2. Favorire il miglioramento della qualità e promuovere le migliori pratiche in materia di contenuti digitali, sia tra fornitori e utenti dei contenuti sia sul piano transettoriale
Attività volte a facilitare l`individuazione e l’ampia diffusione delle migliori pratiche in termini di metodi, processi e operazioni, per realizzare una miglior qualità e maggiore efficacia ed efficienza nella creazione, uso e distribuzione di contenuti digitali.
Le attività comprenderanno esperimenti volti a dimostrare la ricercabilità, l`usabilità, la riutilizzabilità, la componibilità e l`interoperatività dei contenuti digitali nel contesto del quadro giuridico esistente, soddisfacendo nel contempo, le esigenze di diversi gruppi e mercati bersaglio in un ambiente sempre più multilinguistico e multiculturale.
Gli esperimenti saranno affrontati nell`ambito di raggruppamenti tematici e comprendono la raccolta, la diffusione e la condivisione fra settori diversi delle conoscenze acquisite.
I settori mirati di applicazione sono le informazioni del settore pubblico, i dati territoriali, i contenuti digitali culturali e didattici e i contenuti digitali scientifici e accademici.

3. Rafforzare la cooperazione tra i soggetti attivi nel settori dei contenuti digitali e la sensibilizzazione
Le attività comprendono: misure di accompagnamento della legislazione relativa ai contenuti digitali, promozione della collaborazione fra soggetti attivi nel settore dei contenuti digitali e misure di sensibilizzazione. Tali attività sostengono lo sviluppo di analisi comparative, strumenti di monitoraggio e analisi, valutazione dell’impatto del programma e diffusione dei risultati e inoltre individuano e analizzano le opportunità e i problemi emergenti (p. es. fiducia, marcatura di qualità, diritti di proprietà intellettuale nell`istruzione), proponendo eventuali soluzioni.


Tipologie di progetti:
AZIONI A COMPARTECIPAZIONE FINANZIARIA:
i) progetti destinati a migliorare le conoscenze per migliorare i prodotti, i processi e/o i servizi esistenti e/o soddisfare le esigenze delle politiche comunitarie;
ii) divulgazione di buone prassi all’interno di raggruppamenti tematici;
iii) reti tematiche, che riuniscono una serie di soggetti interessati a un dato obiettivo tecnologico e organizzativo per facilitare le attività di coordinamento e il trasferimento di conoscenze.

MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO:
Misure che contribuiscono all`attuazione del programma o alla preparazione di attività future. Si tratta in particolare di:
i) studi a sostegno del programma;
ii) scambio di informazioni, conferenze, seminari, workshop e altre riunioni; gestione delle attività comprese nei raggruppamenti;
iii) azioni di divulgazione, informazione e comunicazione.

Beneficiari

Persone giuridiche pubbliche e private.

Entità Contributo

Per le azioni oggetto di inviti a presentare proposte il contributo comunitario coprirà fino al 50% dei costi ammissibili di progetto.

Modalità e procedura

Il programma è attuato attraverso azioni a compartecipazione finanziaria (selezionate sulla base di inviti a presentare proposte) e misure di accompagnamento attuate attraverso gare d’appalto gestite dalla Commissione. Sia le azioni a compartecipazione finanziaria sia le misure di accompagnamento si baseranno su un programma di lavoro elaborato dalla Commissione.

Scadenza

2005-2008

Referente

Commissione europea - DG Società dell’informazione

Risorse finanziarie disponibili

€ 149 milioni, di cui 55.6 milioni per il periodo 2005/2006.
I fondi sono così ripartiti fra le azioni:
Azione 1: 40-50%
Azione 2: 45-55%
Azione 3: 8-12%

Aree Geografiche

UE 27 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Paesi candidati - Croazia, Ex Repubblica iugoslava di Macedonia e Turchia.

EFTA/SEE - Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Indirizzi Utili

Referente: Commissione europea - DG Società dell`informazione
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Maria Grazia Gotti
Data Pubblicazione: 29/03/2005


Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato da Ervet SpA su incarico della Regione Emilia-Romagna

Ervet SpA P.IVA 00569890379 - Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna tel. 051/6450411 - fax 051/6450310 - e-mail: info@ervet.it