sabato 27.2.2021
Europa Facile  > Scheda Programma

Scheda Programma


EUROPA PER I CITTADINI (2007-2013)

Titolo

Rettifica della Decisione n. 1904/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, che istituisce, per il periodo 2007-2013, il programma Europa per i cittadini mirante a promuovere la cittadinanza europea attiva

Oggetto

EUROPA PER I CITTADINI - Programma comunitario per la promozione della cittadinanza europea attiva.

Il presente programma subentra ai programmi "Partecipazione civica" e "Promozione degli organismi attivi a livello europeo nel settore della cultura" (solo per la parte 3 di questo programma), che sono stati operativi per il periodo 2004-2006.

Fonte

GUCE/GUUE L 181/15 del 11/7/2007

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

Gli obiettivi specifici del programma sono:
- avvicinare i cittadini appartenenti alle comunità locali di tutta Europa perché possano condividere e scambiare esperienze, opinioni e valori, contribuendo in tal modo a migliorare la conoscenza reciproca della storia dei popoli europei e a operare per costruire il futuro;
- promuovere le iniziative, i dibattiti e la riflessione in materia di cittadinanza europea e democrazia, grazie alla cooperazione delle organizzazioni della società civile a livello europeo;
- avvicinare l`Europa ai suoi cittadini, promuovendo e celebrando i valori e le realizzazioni dell’Europa e preservando la memoria del passato europeo;
- favorire l`interazione tra i cittadini e le organizzazioni della società civile di tutti i Paesi ammissibili al programma, contribuendo al dialogo interculturale e mettendo in evidenza la diversità e l`unità dell`Europa, con particolare attenzione alle attività volte a promuovere contatti più stretti tra i cittadini degli Stati membri di recente adesione.

Azioni

1. CITTADINI ATTIVI PER L`EUROPA
a) Gemellaggio di città
Questa misura è intesa a favorire scambi diretti tra cittadini europei mediante la loro partecipazione ad attività attuate nel quadro di gemellaggi di città. Le attività di gemellaggio possono avere un carattere specifico o pilota oppure assumere la forma di accordi strutturati pluriennali tra più partner, rispondenti a una strategia prestabilita e comprendenti più iniziative. In questo contesto potranno essere finanziati: incontri tra cittadini di città gemellate o in procinto di gemellarsi; conferenze o workshop nel quadro di reti tematiche di città gemellate; progetti pluriennali di reti di città gemellate.

b) Progetti dei cittadini e Misure di sostegno
- Sostegno a progetti di carattere transnazionale e intersettoriale che coinvolgano direttamente i cittadini. I progetti esploreranno metodi innovativi di partecipazione dei cittadini. Vi parteciperanno cittadini provenienti da diversi contesti che collaboreranno su o discuteranno di questioni comuni europee, sviluppando così la comprensione reciproca e la sensibilizzazione al processo d`integrazione europea. Sarà incoraggiato l`impiego delle nuove tecnologie, in particolare delle tecnologie dell`informazione.
- Sostegno a misure finalizzate a migliorare i progetti sopraindicati (progetti di cittadini e di gemellaggi). Possono consistere nello scambio di migliori pratiche, nella condivisione di esperienze fra soggetti interessati ai livelli locale e regionale (incluso le autorità pubbliche) e nello sviluppo di competenze (ad esempio attraverso la formazione).

2. UNA SOCIETÀ CIVILE ATTIVA IN EUROPA
a) Sostegno strutturale ai centri di ricerca sulle politiche europee (gruppi di riflessione)
Sostegno ad organismi che sviluppano nuove idee e riflessioni sulle questioni europee e che sono importanti interlocutori istituzionali in quanto capaci di offrire indicazioni intersettoriali, strategiche, indipendenti alle istituzioni UE e di contribuire al dibattito sulla cittadinanza europea attiva e sui valori dell’UE. A questi organismi può essere concessa una sovvenzione di funzionamento sulla base del loro programma di lavoro. Questa azione promuove anche il rafforzamento di reti transeuropee.
Per gli anni 2007, 2008, 2009 si prevede che una sovvenzione di funzionamento possa essere concessa direttamente (ossia senza partecipazione ad un invito a presentare proposte) all`associazione Groupement d’études et de recherches Notre Europe e all`Institut für Europäische Politik.

b) Sostegno strutturale alle organizzazioni della società civile a livello europeo
Sostegno ad organizzazioni della società civile che operano a livello europeo in settori d`interesse generale. Il sostegno mira a dare loro la capacità e la stabilità necessarie per fungere da catalizzatore transnazionale per i loro membri e per la società civile a livello europeo. A queste organizzazioni può essere concessa una sovvenzione di funzionamento sulla base del loro programma di lavoro. Questa azione promuove anche il rafforzamento di reti transeuropee.
Per gli anni 2007, 2008, 2009 si prevede che una sovvenzione di funzionamento possa essere concessa direttamente (ossia senza partecipazione ad un invito a presentare proposte) alle seguenti organizzazioni: la Piattaforma delle ONG sociali europee, il Movimento europeo, il Consiglio europeo per i rifugiati e gli esuli.

c) Sostegno a progetti promossi da organizzazioni della società civile
Sostegno a progetti transnazionali realizzati da organizzazioni della società civile attive a livello locale, regionale, nazionale o europeo. Questi progetti promuoveranno dibattiti, pubblicazioni, azioni di sensibilizzazione o altre azioni pertinenti su questioni di interesse europeo e contribuiranno alla riflessione sui valori comuni europei e la cittadinanza attiva.

3. INSIEME PER L`EUROPA
a) Eventi di grande visibilità
Sostegno ad eventi organizzati dalla Commissione europea, anche in collaborazione con gli Stati membri o altri soggetti rilevanti, che siano di grande portata e vasta risonanza presso i cittadini europei e contribuiscano a rafforzare il loro senso d`appartenenza ad una stessa comunità, accrescano la loro consapevolezza della storia e dei valori comuni europei e li rendano partecipi del dialogo interculturale. Queste manifestazioni potranno consistere nella commemorazione di avvenimenti storici, nella celebrazione di realizzazioni europee, in azioni di sensibilizzazione su temi specifici, in conferenze a livello europeo e nell’assegnazione di premi destinati a valorizzare realizzazioni di rilievo. Sarà incoraggiato l`impiego delle nuove tecnologie, in particolare delle tecnologie dell`informazione.

b) Studi
Realizzazione di studi, indagini e sondaggi d`opinione finalizzati a migliorare la comprensione della cittadinanza attiva a livello europeo.

c) Strumenti d`informazione e diffusione
Sviluppo di strumenti di informazione e di diffusione (un portale Internet e strumenti di altro tipo) finalizzati a fornire informazioni sulle varie attività del programma, su altre azioni europee correlate con la cittadinanza attiva e su altre iniziative in questo settore.
Per gli anni 2007, 2008, 2009 si prevede che una sovvenzione di funzionamento possa essere concessa direttamente (ossia senza partecipazione ad un invito a presentare proposte) ai seguenti organismi: l`Association Jean Monnet, il Centre européen Robert Schuman, le Case d’Europa.

4. MEMORIA EUROPEA ATTIVA
Preservazione dei principali siti ed archivi connessi con le deportazioni e commemorazione delle vittime
- Sostegno a progetti volti a preservare i principali siti e memoriali connessi con le deportazioni e gli ex campi di concentramento nazisti, nonchè gli archivi che documentano queste tragedie, e a commemorarne le vittime.
- Sostegno a progetti volti a commemorare le vittime delle deportazioni connesse con lo stalinismo e a preservarne i memoriali e gli archivi documentali.

PRIORITA` PERMANENTI DEL PROGRAMMA
Per l`intera durata del programma sarà data priorità alla realizzazione di progetti e attività indirizzati ai seguenti temi:
• Il futuro dell’UE e i suoi valori fondamentali
• La cittadinanza europea attiva: partecipazione e democrazia in Europa
• La promozione del dialogo interculturale
• L’impatto delle politiche europee sui cittadini
• Il benessere dei cittadini europei: occupazione, coesione sociale e sviluppo sostenibile.

Beneficiari

Soggetti operanti per la promozione della cittadinanza europea attiva, in particolare autorità e organizzazioni locali, centri di ricerca sulle politiche europee, gruppi di cittadini e altre organizzazioni della società civile, quali ONG, istituti di istruzione, sindacati, organizzazioni di volontariato, organizzazioni attive nel settore dello sport amatoriale.

Entità Contributo

Il contributo comunitario è variabile a seconda dell`Azione (si veda la Guida al programma).

Scadenza

Il programma è operativo per il periodo 2007-2013.

Referente

Commissione europea - Direzione Generale Istruzione e Cultura

Risorse finanziarie disponibili

€ 215.000.000, indicativamente così ripartiti:
- Cittadini attivi per l`Europa: 45% delle risorse;
- Una società civile attiva in Europa: 31% delle risorse;
- Insieme per l`Europa: 10% delle risorse;
- Memoria europea attiva: 4% delle risorse.

Aree Geografiche

UE 27 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Paesi Candidati all`UE (aggiornato marzo 2012) - Islanda, Ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Montenegro, Turchia e Serbia. Dal dicembre 2011 la Croazia ha lo status di Paese in via di adesione e non rientra più in questa categoria.

EFTA/SEE - Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Balcani Occidentali - Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia e Kosovo (ai sensi della risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza dell`ONU). [La Croazia dal luglio 2013 è Paese UE]

Indirizzi Utili

Referente: Europa Cittadini - Punto di contatto nazionale
Indirizzo: Ministero per i beni e le attività culturali Via del Collegio Romano 27 00187 Roma Tel: 06 6723 2974 e 320 5521894
E-mail
Sito Web
Referente: Agenzia esecutiva EACEA
Indirizzo: Pagina web di riferimento per il programma
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 17/01/2007


Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio - Divisione Sviluppo Territoriale Sostenibile (ex ERVET)

Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna - Tel. 051/6450411 E-mail: info@art-er.it