venerdì 4.12.2020
Europa Facile  > Scheda Programma

Scheda Programma


MEDIA Mundus (2011-2013)

Titolo

Decisione n. 1041/2009/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che istituisce un programma di cooperazione nel settore audiovisivo con i paesi terzi (MEDIA Mundus)

Oggetto

MEDIA Mundus - Programma comunitario per il sostegno alla cooperazione con i Paesi terzi nel settore audiovisivo.

Fonte

GUCE/GUUE L 288/10 del 4/11/2009

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

Accrescere la competitività dell`industria audiovisiva europea a livello mondiale e favorire lo sviluppo di relazioni culturali e commerciali durature fra i professionisti dell’audiovisivo europei e di Paesi terzi. In particolare, il programma mira ai seguenti obiettivi specifici:
- rafforzare lo scambio di informazioni e conoscenze tra professionisti dell’audiovisivo,
- migliorare la competitività e la distribuzione di opere audiovisive in tutto il mondo;
- migliorare la circolazione e la diffusione di opere audiovisive in tutto il mondo e accrescere la domanda del pubblico, soprattutto dei giovani, di contenuti audiovisivi che rispecchiano le diverse culture.

Azioni

Obiettivo specifico 1: scambio di informazioni, formazione e conoscenze del mercato
Sostegno a misure volte a rafforzare le competenze dei professionisti dell’audiovisivo europei e di Paesi terzi e a migliorare il loro livello d’informazione e conoscenza:
- sviluppo e attuazione di moduli formativi, con particolare attenzione alle condizioni di produzione, coproduzione, distribuzione e diffusione di opere audiovisive nei mercati internazionali pertinenti.
- sviluppo e attuazione di moduli formativi, con particolare attenzione alle nuove tecnologie per la produzione, la post-produzione, la distribuzione (comprese le nuove piattaforme di distribuzione quali VOD, IPTV, Web TV), commercializzazione e archiviazione di opere audiovisive.
- promozione degli scambi tra le istituzioni e/o le attività di formazione permanente esistenti.
- formazione dei formatori.

Obiettivo specifico 2: competitività e distribuzione
1) Sostegno a misure volte al rafforzare la competitività dell’industria audiovisiva europea, facilitando la ricerca di partner di Paesi terzi per le coproduzioni:
- organizzazione di forum per lo sviluppo, il finanziamento, la coproduzione e la pre-vendita di coproduzioni internazionali, in particolare di mercati di coproduzione e di eventi per la ricerca di partner (pitching), allo scopo di riunire potenziali partner (ad esempio, sceneggiatori, registi, attori, produttori e distributori).

2) Sostegno a misure volte ad incoraggiare la distribuzione di opere audiovisive europee fuori dall’Europa e di opere dei Paesi terzi in Europa:
- sostegno alla conclusione di accordi tra raggruppamenti di titolari di diritti/agenti di vendita/distributori europei e di Paesi terzi, al fine di garantire la distribuzione (ad esempio, nelle sale cinematografiche, alla TV, IPTV, Web TV e sulle piattaforme VOD) delle rispettive opere audiovisive nel territorio o nei territori dei loro partner.
- sensibilizzazione del pubblico attraverso campagne promozionali in occasione dell’uscita di film di Paesi europei nel mondo e dell’uscita di film di Paesi terzi in Europa.
- sostegno al doppiaggio e alla sottotitolazione per la distribuzione e diffusione, attraverso tutti i canali disponibili, delle opere audiovisive europee e di Paesi terzi, a favore di produttori, distributori ed emittenti.
- creazione e consolidamento di reti di cooperazione artistica e industriale tra i titolari di diritti/agenti di vendita/distributori europei e di Paesi terzi.

Obiettivo specifico 3: circolazione
1) Sostegno a misure volte a migliorare la circolazione e la visibilità di opere europee nei Paesi terzi e, viceversa, di opere di Paesi terzi in Europa:
- progetti presentati da gestori di sale cinematografiche di Paesi europei e di Paesi terzi che prevedono la programmazione di una quota significativa rispettivamente di film di Paesi terzi e di film europei nelle sale di prima visione, per una durata minima da definire.
- creazione e consolidamento di una rete di gestori di sale cinematografiche di Paesi europei e di Paesi terzi per lo sviluppo di azioni comuni a favore di tale tipo di programmazione.

2) Sostegno a misure volte ad accrescere l’offerta di contenuti audiovisivi e a migliorare le condizioni di trasmissione e di distribuzione di opere audiovisive di Paesi terzi attraverso canali di distribuzione europei, e di opere europee attraverso canali di distribuzione di Paesi terzi:
- sostegno a partenariati tra emittenti (o piattaforme VOD, ecc.) di Paesi europei e di Paesi terzi e titolari di diritti allo scopo di diffondere un pacchetto di opere o di distribuire un catalogo di opere di Paesi europei e di Paesi terzi sulle piattaforme VOD.

3) Sostegno a misure volte a promuovere l’alfabetizzazione cinematografica:
- creazione di una rete di iniziative di alfabetizzazione cinematografica dei Paesi europei e dei Paesi terzi, in particolare rivolte ad un pubblico giovane e miranti a promuovere a livello internazionale la diversità delle opere audiovisive.
- sostegno a partenariati tra emittenti di Paesi europei e di Paesi terzi per la trasmissione di opere audiovisive dedicate ad un pubblico giovane.

Beneficiari

Professionisti del settore audiovisivo provenienti da Paesi europei e da Paesi terzi.

Per Paesi europei si intende: Stati UE, Paesi EFTA/SEE, Paesi candidati e Balcani occidentali (la partecipazione dei Paesi non UE è ammessa se sono soddisfatte determinate condizioni). Per Paese terzo si intende qualsiasi Paese diverso da quelli indicati.

Entità Contributo

Il contributo comunitario può coprire fino al 50% dei costi totali ammissibili del progetto (in alcuni casi tale percentuale può raggiungere l`80%).

Modalità e procedura

Il programma è attuato attraverso inviti a presentare proposte di progetto pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale UE.

I progetti devono essere proposti e realizzati congiuntamente da professionisti europei e di Paesi terzi e cercare di promuovere la creazione di reti internazionali. A tal fine ciascun progetto deve coinvolgere almeno tre partner, il coordinatore deve essere un professionista europeo. Tuttavia, possono essere ammessi progetti con due soli partner se è garantita la necessaria creazione di una rete, ovvero se il coordinatore del progetto è una rete europea di professionisti/società del settore audiovisivo che comprende numerosi Stati UE.

Scadenza

Il programma è attivo per il periodo 2011-2013

Referente

Commissione europea - DG Società dell`Informazione e Media

Risorse finanziarie disponibili

€ 15.000.000

Aree Geografiche

Paesi specifici/Regioni specifiche - Come specificato nella scheda

Indirizzi Utili

Referente: Commissione europea - DG Società dell`Informazione e Media
Indirizzo: Pagina web dedicata al programma
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 27/07/2010


Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio - Divisione Sviluppo Territoriale Sostenibile (ex ERVET)

Via Morgagni, 6 - 40122 Bologna - Tel. 051/6450411 E-mail: info@art-er.it