mercoledì 6.7.2022
Europa Facile  > Agenda Bandi

Agenda Bandi


Programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori – Bando 2022 promozione dell’uguaglianza e lotta contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione

Titolo

Citizens, Equality, Rights and Values Programme (CERV) - Call for proposals to promote equality and to fight against racism, xenophobia and discrimination - CERV-2022-EQUAL

Oggetto

Bando nell’ambito del programma Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori (CERV): progetti volti a promuovere l’uguaglianza e a combattere il razzismo, la xenofobia ed ogni forma di discriminazione.

Fonte

Commissione europea - Funding & Tender Portal del 15/12/2021

Ente Erogatore

Commissione europea

Obiettivo

Sostenere un approccio globale e azioni specifiche per prevenire e combattere l'intolleranza, il razzismo, la xenofobia e la discriminazione, in particolare per motivi di origine etnica, razza, religione, orientamento sessuale, identità di genere, anche quando si manifesta sotto forma di antisemitismo, antiziganismo, odio contro i musulmani, afrofobia e fobia LGBTIQ, sia online che offline.

Il bando intende contribuire alle seguenti Iniziative politiche dell'UE: Piano d'azione dell'UE contro il razzismo, Strategia per l'uguaglianza LGBTIQ, Strategia dell'UE per combattere l'antisemitismo e promuovere la vita ebraica, Quadro strategico dell'UE per l'uguaglianza, l'inclusione e la partecipazione dei Rom , Strategia dell'UE sui diritti delle vittime.

Azioni

Progetti nazionali e transnazionali riguardanti le seguenti priorità:

1. Combattere l’intolleranza, il razzismo, la xenofobia, la discriminazione, i crimini dettati dall’odio e discorsi di incitamento all'odio (risorse disponibili: 7.740.000 euro)
Si intende sostenere progetti mirati a rispondere alle vulnerabilità di specifici gruppi e comunità particolarmente colpiti da intolleranza, razzismo, xenofobia e discriminazione, come Rom, ebrei, musulmani, migranti, persone di colore e di origine africana. Sono incluse anche azioni volte a potenziare e sostenere la capacità e il ruolo delle organizzazioni della società civile, degli attivisti e dei leader delle comunità e a migliorare la consapevolezza dei diritti, la protezione e la rappresentanza degli interessi delle vittime.

2. Promuovere la gestione della diversità e l'inclusione sul posto di lavoro, sia nel settore pubblico che privato (risorse disponibili: 500.000 euro)
Saranno sostenuti progetti che promuovono la diversità e l'inclusione sul posto di lavoro, con particolare riguardo ai motivi di discriminazione elencati all'articolo 19 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

3. Combattere la discriminazione contro le persone LGBTIQ e promuovere l'uguaglianza attraverso l'attuazione della Strategia per l'uguaglianza LGBTIQ (risorse disponibili: 1.000.000 euro)
Si intende sostenere progetti che mirano ad affrontare la discriminazione e la disuguaglianza per motivi di orientamento sessuale, identità di genere e caratteristiche sessuali nell’ambito del lavoro, dell'istruzione, della salute, della cultura e dello sport. Il focus è sulle persone LGBTIQ nelle situazioni più vulnerabili, come le persone transessuali e intersessuali, e include la formazione di professionisti competenti. Sono comprese anche azioni che cercano di combattere gli stereotipi di genere e sulla sessualità all'interno e attraverso l'istruzione, fornire supporto alle famiglie arcobaleno e prevenire e combattere i crimini d’odio contro le persone LGBTIQ, l’incitamento all'odio, la violenza e le pratiche dannose, sia online che offline.

4. Prevenire, segnalare e contrastare l’incitamento all’odio online (risorse disponibili: 1.500.000 euro)
Sostegno all’attuazione del Codice di condotta contro l’incitamento all’odio online, in particolare attraverso azioni nei seguenti ambiti: i) segnalazione di contenuti di incitamento all'odio alle società IT; ii) iniziative multi-stakeholder per affrontare le sfide sociali dell'incitamento all'odio online; iii) accrescere la conoscenza degli ecosistemi dell'incitamento all'odio online e intensificare le risposte, in particolare riguardo alle minacce/sfide derivanti da ideologie e gruppi di Violent Right Wing Extremist (VRWE). Verrà sostenuto almeno un progetto per ciascuno dei 3 ambiti indicati.

5. Priorità riservata alle autorità pubbliche - Migliorare la capacità di rispondere alla discriminazione, al razzismo e alla xenofobia (risorse disponibili: 1.500.000 euro)
Questa priorità si rivolge solo alle autorità pubbliche a livello nazionale, regionale e locale per aiutarle a migliorare l'attuazione della Direttiva sull'uguaglianza razziale, della Decisione quadro sulla lotta al razzismo e della xenofobia e della Raccomandazione UE sugli standard per gli organismi di parità. Le attività da sostenere potrebbero includere: elaborazione di piani d'azione o strategie nazionali o locali contro il razzismo e la discriminazione; formazione di funzionari e/o autorità a livello nazionale, regionale o locale; miglioramento del sostegno alle vittime di discriminazione;.misure per affrontare il problema della scarsità di denunce; costruzione della fiducia tra comunità e autorità pubbliche.
 

Attività finanziabili:

- capacity building
- formazione di professionisti e vittime di discriminazione, incitamento all’odio e crimini d'odio
- apprendimento reciproco, scambio di buone pratiche, cooperazione, compresa l'individuazione delle migliori pratiche che possono essere trasferite ad altri Paesi e nelle politiche pubbliche
- definizione e attuazione di strategie o piani d'azione contro il razzismo, anche concentrandosi su ambiti specifici (antisemitismo, antiziganismo, odio contro i musulmani e altre forme di intolleranza)
- diffusione di informazioni e campagne di sensibilizzazione, anche sui social media
- studi e attività di analisi
- promozione delle competenze digitali e del pensiero critico
- monitoraggio e segnalazione di casi di discriminazione, incitamento all’odio e crimini d'odio, compresa l'analisi delle forme, delle tendenze, dei fattori scatenanti e dell'ecosistema dell’odio online
- sostegno e empowerment delle vittime, tenendo conto delle esigenze specifiche di donne e uomini, ragazze e ragazzi in tutta la loro diversità.

Beneficiari

- Priorità 1, 2, 3 e 4: proponenti e partner di progetto possono essere enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei Paesi ammissibili (indicati a fondo scheda) e organizzazioni internazionali. Organizzazioni a scopo di lucro possono presentare progetti solo in partnership con enti pubblici o organizzazioni private non-profit.
- Priorità 5: proponenti di progetto possono essere unicamente autorità pubbliche. Enti pubblici, organizzazioni private e organizzazioni internazionali possono essere partner di progetto. Proponente e partner devono essere stabiliti in uno dei Paesi ammissibili.

Entità Contributo

Il contributo UE può coprire fino al 90% dei costi ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta non può essere inferiore a € 75.000.

Modalità e procedura

I progetti devono essere presentati da un consorzio costituito da almeno due soggetti (proponente di progetto + 1 partner). Se il progetto è transnazionale, devono essere di due diversi Paesi ammissibili.

I progetti proposti devono prevedere una durata compresa tra 12 e 24 mesi (con inizio entro 6 mesi dalla firma dell'accordo di sovvenzione, prevista per settembre-ottobre 2022).

Scadenza

24/02/2022, ore 17.00 (ora di Bruxelles)

Aree Geografiche

UE 27 (post Brexit) - Austria, Belgio, Bulgaria, Cechia, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

PTOM - Paesi e Territori d'Oltremare: Paesi, territori e collettività che non sono sovrani ma dipendono in misura diversa dai tre Stati membri con i quali mantengono legami speciali, ovvero 1.Olanda: Aruba, Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten; 2. Francia: Nuova Caledonia, Polinesia francese, Terre australi e antartiche francesi, Isole di Wallis e Futuna, Saint Pierre e Miquelon, Saint Barthélemy; 3. Danimarca: Groenlandia

Indirizzi Utili

Referente: Funding and Tenders Portal - Pagina web di riferimento per il bando
Sito Web

Formulari e Documenti




Autore: Silvia Tomasi
Data Pubblicazione: 15/12/2021
Strumenti personali

EuropaFacile è realizzato su incarico della Regione Emilia-Romagna da

ART- ER S. cons. p. a. - Attrattività Ricerca Territorio

Via Gobetti, 101 - 40129 - Bologna Tel. +39 051 6398099 E-mail: europa@art-er.it